Conigli & Conigli

Mi fido solo dell’erba pulita

Archive for the ‘Conigli’ Category

Il nuovo manuale di Conigli & Conigli

Posted by conigliopoli su 20 maggio 2017


Sono lieto di comunicare ai gentili Lettori che il manuale di allevamento biologico del coniglio:  Conigli e Conigli è ora disponibile nella sua SECONDA EDIZIONE aggiornata e corretta:

come E-book in formato PDF, con fotografie a colori, ben leggibile anche sui tablet ed anche come libro stampato in formato A5, con copertina colori e foto bianco e nero.

Per l’acquisto ed ogni dettaglio cliccare l’immagine di copertina qui sotto.

Manuale per l'allevamento biologico a terra del coniglio domestico

Manuale per l’allevamento biologico a terra del coniglio domestico

Posted in aggiornamenti, allevamento del coniglio, Conigli, conigli bio, garenna, manuale allevamento | 2 Comments »

Affrancamento 15 anni dopo

Posted by claudiodellavalle su 24 aprile 2016


IMG_20160226_143655_BURST001_COVER

 

 

 

Mi sembra doveroso, iniziato il 16 anno dell’esperienza “Coniogliopoli” presentare una relazione consuntiva dei risultati ottenuti allevando i conigli secondo il protocollo che ho nel frattempo elaborato e perfezionato e che viene esposto in questo sito oltre che nel mio manuale d’allevamento:

“Conigli & Conigli”

in formato digitale pdf con foto a colori

in formato digitale epub con foto a colori

in formato cartaceo con foto B/N

La mia esperienza, iniziata già negli anni ’97-’98, ma stabilita definitivamente dall’anno 2000 in una nuova sede lontana dall’allevamento industriale, è stata fino ad oggi un filo continuo ed ininterrotto che ha portato dei poveri conigli di allevamento intensivo (i soli superstiti del mio vecchio allevamento distrutto dalla mixomatosi, dai mangimi e dalla politica bastarda), prigionieri delle gabbie da generazioni, portatori di malattie occulte a riconquistare la pienezza della propria natura e per quel poco che mi è stato consentito, anche parte della loro libertà.

I primi anni di tale esperienza sono stati caratterizzati dalle difficoltà, da mortalità piuttosto sensibile, dato che la sospensione dei mangmi integrati e medicati fece emergere nella loro pienezza e natura tutte le malattie nascoste, tamponate e coperte (mai davvero curate), per decenni dalle medicazioni normalmente impiegate nei mangimi per conigli sia a scopo preventivo, che curativo ed auxinico (promotori di crescita li chiamano).

Tuttavia, la forza dell’erba e della libertà, il contatto con la terra, hanno fatto in modo che una piccola stirpe si sia salvata ed abbia imparato nuovamente e veramente a vivere in perfetta salute ed equilibrio secondo natura. Risultato che oggi posso dire perfettamente raggiunto e confermato con grandi risvolti positivi sotto tutti gli aspetti.

Nei primi anni, causa appunto le problematicità di tipo sanitario, soprattutto a carico dei piccoli svezzandi, il ricambio generazionale dei riproduttori è stato necessariamente frequente. Le fattrici e i maschi venivano rimpiazzati ogni anno con i loro figli migliori. Il frequente ricambio generazionale, pure effettuato in consanguineità stretta per evitare di aggiungere altri problemi a quelli già presenti, ha favorito quello che è il gradino più importante e difficile da superare per un animale proveniente da allevamento intensivo ovvero la modificazione del microbismo intestinale residente, profondamente alterato e mutato da decenni di contatto con antibiotici, coccidiostatici e materie nutritive ad alta energia che non appartengono alla alimentazione naturale ordinaria del coniglio.

La povera alimentazione di solo foraggio fresco e senza presidi farmacologici, per quanto in assoluto più appetita e gradita istintualmente dagli animali, parve essere inizialmente insufficiente a mantenerli sani e vitali. Ma loro hanno saputo perseverare e io pure, visto che entrambi non avevamo più nulla da perdere.

Ora, aprile 2016, al contrario, i riproduttori che ho in attività hanno carriera più lunga essendosi ormai adattati perfettamente all’ambiente ed ai metodi naturali costantemente utilizzati senza interruzione o eccezione. Il maschio oggi ha 5 anni di età mentre le femmine rispettivamente 3 e 2. Pare proprio che tutti diano il meglio ad inziare dal 2 anno di vita riproduttiva. Non so ancora fino a che età possano continuare a riprodurre utilmente, ma credo diversi anni ancora visto che la vita di un coniglio può facilmente raggiungere i 15 anni di età. In ogni caso mi trovo oggi a dover sospendere gli accoppiamenti per non andare in sovraproduzione, oltre i limiti che mi sono prefissato.

Ho potuto appurare con reiterate osservazioni che in tali condizioni dei riproduttori l’allattamento procede e protegge i piccoli anche fino ed oltre il cinquantesimo giorno di vita, con femmine in grado di allattare pienamente la covata più recente e di concedere un po’ di latte anche a quella precedente se ne ricorresse il bisogno. Tale piccola quantità di latte tardivo, sebbene decisamente insufficiente ai fini nutrizionali della covata più vecchia, si rivela una vera panacea contro la coccidiosi o le enteriti che si verificano al momento dello svezzamento offrendo una protezione anticorpale potente ed efficace fin quando il sistema immunitario del piccolo sia sufficientemente maturo ed agguerrito per fronteggiare autonomamente ed efficacemente queste minacce sempre presenti.

Durante questa esperienza di allavamento ho avuto nell’anno 2004 un attacco di mixomatosi e siccome i miei animali non sono vaccinati  l’allevamento corse un grosso rischio. Alcuni morirono, altri, una minoranza, furono più fortunati e sopravvissero guarendo completamente da soli nel giro di 2-3 mesi. Questi rimasero immuni per tutta la vita. I loro figli che cedetti ad altri allevatori in una zona dove la Mixomatosi è endemica e si ripresenta ogni anno in estate o  autunno con le zanzare, si ammalarono a loro volta, ma durante alcuni anni poco a poco i loro discendenti divennero sempre più resistenti fino a quasi non contrarre del tutto la malattia e con una mortalità prossima allo zero%. Questo per illustrare come la natura se lasciata agire con i suoi tempi è in grado di ripristinare e di guarire come nessun medico saprà mai fare.

Ho potuto verificare che il recinto di allevamento, anche coi suoi batteri, diviene con l’opportuna alimentazione un luogo amico dei conigli che vi dimorano e pertanto non ho mai usato disinfettanti. In caso di condizioni di umidità eccessiva e lungamente persistente a causa del meteo, della lettiera troppo intrisa ho utilizzato con profitto una spolverata di cenere  asciutta di legna.

Ho imparato durante questi 15 anni come sia importante il sincronismo con le fasi stagionali. Ad esempio con dare ai conigli tutto ciò che in quella stagione cade dagli alberi; fichi, ad esempio a fine estate, ghiande di quercia e kaki a novembre e per tutto l’inverno così come frutta. e potature di alberi Col freddo anche cibi ad alto contentuto energetico come le ghiande non causano mai danni anzi migliorano grandemente le performance. Una volta stabilito l’equilibrio dell’allevamento anche un piccolo “premio” una tantum come una dose di pane o granaglie non recano danno ai conigli anche durante l’estate.

Insomma, l’allevamento ora gira proprio bene come mai avrei potuto prevedere o sperare inizialmente. Gli animali sono tranquilli, non grassi, non magri, crescono nel loro tempo naturale solo con vegetali e null’altro. Stanno bene e direi perfino che “sono felici”.

Ho distribuito già diversi riproduttori in giro per l’Italia, presso allevatori che abbiano dato prova di volerli allevare con amore e soprattutto con lo stesso spirito di onestà, senza più volerli rinchiudere in gabbie da cui ho tanto tribolato per poterli liberare. Ho ancora qualche femmina e diversi maschietti disponibili se a qualcuno potessero interessare a queste condizioni.

Nel filmato: i miei conigli oggi.

Non vi compaiono 2 covate che dovrebbero stare ancora nei nidi sotto terra. Il pelo è in fase di muta pertanto non particolarmente lucido ed uniforme. La fattrice marrone è in pieno allattamento con pappagorgia e mammelle prominenti.

 

 

Posted in aggiornamenti, allevamento del coniglio, Conigli, conigli bio, coniglio, garenna, mixomatosi | 2 Comments »

Il manuale Conigli & Conigli su Google play

Posted by claudiodellavalle su 24 gennaio 2016


Sono lieto di annunciare che il manuale di allevamento biologico del Coniglio domestico è ora acquistabile anche su Google Play nella sua quarta edizione in versione pdf  o epub aggiornata e corretta, ottimizzata per tablet e smartphone android.

Chi avesse ad acquistare questa edizione del manuale su google play fruirà gratuitamente ed automaticamente in tempo reale anche di tutti i futuri aggionamenti venissero inseriti.

Anche su LULU. com è stato eseguitol’aggiornamento all’ultima versione digitale del libro.

Qui, a differenza di quello acquistato su Google, si può scaricare il file stampabile.

Manuale per l'allevamento biologico a terra del coniglio domestico

Manuale per l’allevamento biologico a terra del coniglio domestico

.

Posted in allevamento del coniglio, Conigli, conigli bio, coniglio, garenna, malattie del coniglio, Uncategorized | 2 Comments »

Un’altra utile esperienza di allevamento in garenna “al coperto”

Posted by claudiodellavalle su 27 ottobre 2014


Mi ha gentilmente inviato le fotografie della sua interessante esperienza Fiorenza della azienda:Fiorenza e Matteo soc.agr. FM 085 Paganico GR.  e con qualche piccolo consiglio (ma era già bene preparata), ecco un tipo di allevamento in “garenna coperta” che utilizza un ricovero per cavalli dismesso. Notare come i conigli hanno subito povveduto a scarsi una tana nel “pagliaio” costituito con una grossa rotoballa di paglia. Il miglior nido possibile e totalmente ecologico.

L’auspicio è che in futuro questo ricovero possa essere arricchito con recinti esterni di pascolo cui lo si potrebbe facilmente collegare con tubi in pvc del diametro di 20-25 cm anche interrati. I vantaggi di questa proposta di allevamento sono nel fatto che dovrebbe consentire una maggiore igiene della lettiera permanente, dato che rimane sicuramente più asciutta con grando vantaggi per il pericolo coccidiosi, ed una migliore protezione dai predatori grazie alle reti che ricoprono le aperture. Credo proprio che i conigli si troveranno benissimo.

I nostri migliori auguri!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Posted in aggiornamenti, allevamento del coniglio, Conigli, conigli bio, coniglio, garenna, Uncategorized | 3 Comments »

Mixomatosi: una strategia alternativa alla vaccinazione è possibile?

Posted by conigliopoli su 1 agosto 2014


OLYMPUS DIGITAL CAMERA OLYMPUS DIGITAL CAMERA OLYMPUS DIGITAL CAMERA OLYMPUS DIGITAL CAMERA Maschio colpito e curato è guarito e sta riproducendo felicemente

La Mixomatosi del coniglio può essere superata anche senza vaccinazioni

La Mixomatosi del coniglio può essere superata anche senza vaccinazioni

Le belle notizie che mi giungono dal Veronese in questi giorni parrebbero confermare quanto ipotizzato negli anni precedenti ovvero che:  una popolazione di conigli allevati a terra con alimentazione naturale è in grado di sviluppare in pochi anni una resistenza crescente al virus della Mixomatosi anche senza l’utilizzo di vaccini, e ciò selezionando e mettendo a riproduzione, di anno in anno, proprio  tutti i soggetti sopravviventi che hanno superato autonomamente e felicemente la malattia senza gravi compromissioni organiche o funzionali. Proprio come avverrebbe in natura se gli animali fossero liberi e lasciati a se stessi e come pare sia avvenuto in Australia, dove la Mixomatosi importata diversi anni or sono proprio per distruggere totalmente i conigli da quel paese, dopo le immani stragi, compiute ora non riesce più ad ucciderli quasi del tutto.

L’esperienza preziosa di cui posso fornire resoconto è quella di due amici M ed M., del Veronese che alleavano conigli da oltre 4 anni utilizzarono in partenza una coppia proveniente dalla  linea del mio piccolo allevamento (mai vaccinato in 14 anni) che alcuni anni prima  aveva già subito e superato un attacco di mixomatosi abbastanza pesante, l’unico in tutto il periodo. La coppia di conigli, sanissimi, fu trasferita in quel di Verona nell’autunno 2009. Sul bello dell’estate 2010 compare da loro la mixomatosi con un grado di virulenza abbastanza forte, la quale uccide la quasi totalità dei conigli che nel frattempo si erano riprodotti felicemente. Tutto andava dunque a meraviglia, a parte qualche imprevisto coi predatori, fino all’agosto 2010 quando  appaiono i primi sintomi di mixomatosi che da sospetta diviene in breve certezza. Rimasero davvero in pochi (2 su 18), a  superare quell’evento ma dopo circa tre mesi dalla sua comparsa quelli che sopravvissero: un maschio ed una femmina, tornarono a riprodurre. Negli anni successivi fino ad oggi la ricomparsa estiva e puntuale della malattia (anche in allevamenti rurali vicini) fece chiaramente comprendere come in quella zona essa sia endemica ovvero non si trattava  di contagio casuale ma di regola, essendoci evidentemente in zona serbatoi di malattia quali allevamenti industriali, conigli selvatici, lepri, il tutto condito con abbondante presenza di insetti ematofagi in grado di propagarla efficacemente dove non c’è. I migliori serbatoi di tale malattia io ritengo siano i conigli immunodepressi tipici degli allevamenti industriali, nei quali a volte, anche il virus vaccinale stesso riesce a generare la malattia o a permanere negli organismi in forma strisciante e debilitante.

In ogni caso negli anni 2011-2012 si registrò un sensibile decremento dei decessi e della virulenza della malattia con una mortalità che passò dal 90% a meno del 50%

Il 2013 fu un anno atipico in quanto molta parte dei nati fu predata da un grosso gatto selvatico e non fu possibile eseguire una valutazione significativa sugli esiti e decorso dell’infezione.

Nel 2014, risolto il problema del predatore con misure di protezione dei recinti, la malattia è insorta puntualmente ed ora è in via di risoluzione e riassorbimento. L’entità ed il numero dei mixomi sono molto diminuiti così come la debilitazione subita dagli animali durante il decorso. Inoltre, e questo ritengo sia il dato più significativo, non tutti ne hanno manifestato i sintomi oltre al fatto che non si sono registrati decessi fra gli ammalati, ma tutti  i colpiti sono attualmente in fase di guarigione. Parrebbe insomma che il rafforzamento dello stipite allevato abbia raggiunto gradi elevati di significatività e corrispondentemente si può anche ipotizzare un parallelo indebolimento dello stipite virale di fronte a passaggi successivi attraverso animali immunologicamente integri e reattivi.

Un grazie sentito agli amici di Verona che con grande passione ed impegno portano avanti il loro allevamento seppure con una incognita così pesante come la Mixomatosi.

Questi dati io ritengo siano utili e significativi quali indicazioni della strategia da tenere nei confronti di questa insidiosa malattia.

Aggiorneremo se possibile i dati negli anni futuri.

 

Posted in aggiornamenti, allevamento del coniglio, Conigli, conigli bio, coniglio, malattie del coniglio, mixomatosi, Uncategorized | 2 Comments »

Un altro esperimento.

Posted by conigliopoli su 20 maggio 2014


In questa strana primavera dove dopo un inverno in cui il freddo consueto è mancato  ed il tepore primaverile- estivo  pare rimandato a data incerta, ho deciso di allungare ancora il periodo di inter parto cioè di allungare la fase di svezzamento fino al limite teorico di 2 mesi e ciò è stato fatto accoppiando la femmina ad 1 mese esatto dal parto precedente. saranno valutate le reazioni dei piccolo svezzandi alla crisi da svezzamento. Ora, in questi  filmato del 14 maggio 2014 sono presenti  la madre, 3 piccoli della covata precedente danneggiata dal tempo eccessivamente umido, ed 8 magnifici coniglietti (4 pezzati e 4 marroncini) dell’ultimo parto che risale al 7 di aprile 2014. La femmina è stata riaccoppiata il 7 maggio 2014. In tal modo lo svezzamento dovrebbe avvenire naturalmente anche superando il limite di 45 giorni di allattamento precedentemente consigliato e dovrebbe perciò assicurare una miglior sopravvivenza della prole ad eventuali problemi come pare proprio guardando alla rotondità delle groppe dei piccoli. Il tempo asciutto e fresco inoltre hanno contribuito ulteriormente a mantenere sani i piccoli come si può  vedere. Non avendo necessità di super produrre credo sia un buon metodo che consente di far riposare e ricostituire efficacemente la fattrice.

 

Posted in aggiornamenti, allevamento del coniglio, Conigli, conigli bio, coniglio, garenna, manuale allevamento, precisazioni, Svezzamento coniglietti, Uncategorized | 5 Comments »

Ho un sogno

Posted by conigliopoli su 16 ottobre 2013


Conigli settembre 2013 (11)

Questa splendida femminuccia è assai domestica. Non merita forse di avere un futuro?

L’anno 2013 è quasi concluso ed è tempo di bilanci.

Ho volutamente allevato pochi soggetti quest’anno a causa di problemi contingenti che non riguardavano i conigli, ma il mio lavoro.  Quest’anno inoltre ho deciso per la prima volta di provare a tenere ad oltranza l’ottimo maschio dell’anno precedente e così la femmina. Le cucciolate ottenute, ciascuna di 6 soggetti felicemente svezzati, pur non essendo particolarmente numerose sono risultate molto belle ed uniformi e la mortalità post svezzamento è risultata uguale a zero. Indubbiamente un minor numero di soggetti per cucciolata ed anche presente nel recinto permette di ottenere migliori risultati quanto ad uniformità, benessere dell’animale ed accrescimento. Ancora una volta mi sento di confermare ai gentili lettori i risultati del mio piccolo esperimento che va avanti ininterrotto da oltre 15 anni.

Debbo qui riportare i risultati importanti e preziosi inviati degli amici M. e M. di Verona che allevano con passione da alcuni anni conigli derivati anche dai miei, secondo il mio metodo, senza vaccinare, in una zona dove la mixomatosi è endemica e si ripresenta puntualmente ogni anno. Ebbene, nel  terzo anno di infezione, dopo che sono stati selezionati come riproduttori i conigli che hanno saputo guarire da soli, la malattia si è ripresentata ancora, ma questa volta con sintomi assai più attenuati e mortalità assai ridotta. Questo confermerebbe la teoria che vuole, nel giro di pochi anni, l’instaurarsi di uno stato di resistenza alla malattia pressoché totale da parte dei conigli, a patto che vengano rispettate le condizioni di allevamento naturali senza interventi che indeboliscano l’animale.

Ora che il progetto mi ha rivelato tutta la bellezza che degli animali autentici possiedono e sono certo della loro salute e forza, posso decidere di non guardare alla produttività dei numeri ma sopratutto alla qualità . Purtroppo la situazione dell’ambiente dove mi trovo ad operare peggiora ogni giorno di più nel senso che diviene sempre più difficile trovare spazi dove raccogliere liberamente l’erba necessaria al mio piccolo allevamento. L’edilizia, l’agricoltura, l’inquinamento, la gente fanno sì che gli spazi adatti siano sempre inferiori ogni anno che passa e non so fino a quando potrò ancora continuare. Le difficoltà aumentano non potendo disporre allo scopo di una azienda agricola o comunque di terreni erbosi bastanti vicino al luogo dell’allevamento.

Il mio sogno cui sto pensando da molto tempo, sarebbe quello di poter dare infine a questi conigli uno spazio libero e pulito dove potessero avere la libertà e confrontarsi così pienamente con la vita.  Credo con tutto il cuore che se lo meritino a tutti gli effetti ed abbiano buone probabilità di riuscita. Ma vorrei fare le cose per bene. Ritengo che avrebbero tutta la capacità di adattarsi, se non che ogni terra  qui ed oggi pare avere dei problemi insormontabili che si oppongono alle realizzazione di questo mio sogno. Laddove si potrebbe realizzare questo progetto di estremo affrancamento ecco che il territorio è immancabilmente percorso da cacciatori … come non bastassero i predatori naturali.

Ho pensato che un valle un po’ isolata, di quota non troppo elevata potrebbe andare benissimo per creare questo progetto di dare terra ai miei conigli. Introdotti i soggetti riproduttori con  i dovuti accorgimenti affinché possano “attecchire”, potrebbe divenire il loro regno. E sarebbe un luogo bello che piacerebbe tanto ai bambini, oltre che essere utile per lo studio degli adattamenti vitali della specie cunicola. Esso potrebbe inoltre creare posti di lavoro e valorizzare terreni abbandonati o di scarsa redditività.

Ma questo sarebbe possibile fare bene solo con persone pure e disinteressate, non coi soliti furbi cui interessa solo l’affare, il guadagno o il contributo pubblico per fare del biologico che in effetti biologico non è.

Perciò penso che il mio desiderio possa rimanere solo un sogno ancora per molto.

Posted in aggiornamenti, Conigli, conigli bio, coniglio, garenna, manuale allevamento, precisazioni | 2 Comments »

Conigliopoli bilancio 2012

Posted by conigliopoli su 18 aprile 2012


L’anno 2012 registra i seguenti dati di produzione: 6 parti di cui due da fattrici ausiliarie inviate in seguito altrove;  poi sono stati sospesi gli accoppiamenti fino ai primi di novembre per non andare in sovraffollamento a causa spazi ridotti. Si riparte a novembre riunendo il maschio dell’anno precedente con la femmina principale che  appunto ha partorito il 2 dicembre come da immagini seguenti.

Parto conigli 2 dicembre 2012 (2)

Quando le condizioni del terreno non sono favorevoli è bene che i conigli abbiano un luogo alternativo per poter partorire. Una cassetta di legno come questa, composta di due camere interne di cui una accede all’esterno tramite l’altra costituisce un buon luogo che le fattrici sceglieranno. Il tetto è apribile per constatare lo stato dei coniglietti

Coniglietti appena nati 2 dicembre 2012 (3)

Bilancio annuale 2012

Nati totali rilevati alla fuoriuscita dal nido( 18-20gg.): 52

Giunti a buon fine 41

defunti-persi 11

mc. di ottimo letame prodotti 2,5

Tutti i conigli presenti nel filmato (25) vengono da una sola fattrice in 5 mesi di produzione il filmato si riferisce a fine aprile. Vi sono presenti 8 coniglietti fuoriusciti dalla tana  a fine 2011 così come non sono conteggiati nel computo quelli nati oggi 2 dicembre 2012 che sono una bella covata di almeno 8-9 soggetti.

Posted in aggiornamenti, allevamento del coniglio, Conigli, conigli bio, coniglio, garenna, Uncategorized | Leave a Comment »

Consuntivo 2009 -relazione

Posted by claudiodellavalle su 12 dicembre 2009


L’anno che volge al fine,credo sia  il tredicesimo, dall’inizio del mio piccolo allevamento biologico, mi ha permesso di ottenere dei risultati positivi insperati che consistono nell’aver recuperato, ritengo in modo permanente, un ulteriore livello di salute degli animali, stato che non credevo potesse esistere.

L’anno 2009 è cominciato male. Avevo mantenuto per l’inverno nel recinto di 60 mq una sola fattrice col suo maschio. Iniziò a partitore ai primi di gennaio e poi in febbraio ma i primi due parti annegarono a causa delle piogge oltre ogni misura immaginabile. Il clima in seguito migliorò e la fattrice ebbe modo di partorire felicemente altre 6 volte per un totale di coniglietti svezzati di 25.

Ci fu solo un morto fra tutti quelli che fuoriuscirono dalla tana e tutti sono giunti o stanno giungendo felicemente all’età matura fuori dalle pastoie della crisi da svezzamento.

In questo anno, per la prima volta e senza che io ne conosca il motivo, i miei conigli

non hanno avuto crisi da svezzamento,

non hanno patito coccidiosi nemmeno in tracce,

si sono liberati dalla presenza costante di Passalurus Ambiguus, piccolo ossiuro specifico del coniglio che durante 35 anni di allevamento non si era riuscito a debellare in nessun modo nemmeno con trattamenti farmacologici mirati e reiterati.

Cosa può aver determinato questo netto recupero di salute che, constatato all’inizio dell’estate, si mantiene tuttora inalterato, malgrado i cambi di alimentazione e le piogge, l’umidità, il freddo caratteristici dell’autunno?

Premesso che sarà necessario almeno un altro anno di conferma teso a verificare che il comportamento e lo stato di salute degli animali sia stabilizzato, trasmesso alla discendenza e non dovuto ad un caso fortuito, vorrei solo dire che l’impressione è quella di avere davanti un animale divenuto molto forte. Io ritengo che il nuovo regime di allevamento, forse con un po’ di fortuna o di intuito, dopo 15 -venti generazioni e selezioni relative (il numero è approssimativo perchè non le ho contate ma ho cambiato i riproduttori ogni anno fino ad ora scegliendo i migliori della loro prole) abbia riportato il coniglio ad uno stato assai vicino se non identico a quello originale, come doveva essere nel medioevo o prima della seconda guerra mondiale. In questo stato, parrebbe che anche alcune precauzioni adottate a tutela della salute degli animali possano risultare infine inutili in quanto erano soluzioni tampone per evitare di scatenare malattie dovute ad un animale inconsapevolmente condizionato da patologie residenti ed inapparenti. Il fatto che coccidiosi e elmintiasi siano oggi praticamente sparite (anche se non credo si possa mai raggiungere la sterilità assoluta per quanto riguarda la coccidiosi), vuole significare che il terreno di cultura, cioè l’animale si è fortificato ed ha ritrovato la sua piena identità. Questo può essere avvenuto magari in forza dell’instaurarsi di una flora microbica antagonista a livello intestinale, cioè di un ambiente microbico più consono all’interesse del coniglio e meno a quello dei parassiti. Questo potrebbe essere stato anche favorito da alcune modifiche alla dieta che ho fatto quest’anno.

Ho somministrato per tutta l’estate erba verde proveniente da un campo non concimato con una buona percentuale di erba medica anche molto matura e dura per la siccità. Ho acidificato quasi costantemente l’acqua di bevanda con aceto.

Vedremo il futuro cosa ci riserverà. Io continuo con le mie osservazioni finché posso.

I miglioro Auguri di buone feste a tutti i gentilissimi lettori

Posted in allevamento del coniglio, Conigli, conigli bio, coniglio, garenna, manuale allevamento, precisazioni, Uncategorized | 3 Comments »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: